VIAGGI E RITIRI

Week-end Yoga Natura
Il Centro Ananda organizza i week-end Yoga Natura ormai da più di vent’anni in luoghi e paesaggi naturali belli e ispiranti. Possono essere utilizzati come un’occasione preziosa allentare lo stress, rigenerarsi, fare una pratica più intensiva o semplicemente darsi la possibilità di incontrare le altre persone del gruppo con un livello di presenza e di intimità meno consueti.
Il contatto più profondo con la natura, con i suoi ritmi, il silenzio e la qualità salubre dell’aria, offrono la possibilità di avere un contesto favorevole per fare una esperienza di contatto più intenso con se stessi. L’uso delle teniche dello yoga e della meditazione; le escursioni guidate per i sentieri, lo stare insieme agli altri vengono usate per sviluppare un’attenzione al mondo interno, per coglierne gli aspetti nutrienti, che portano equilibrio e benessere.


Viaggi e ritiri
I ritiri e i viaggi sono pensati come un’esperienza di pratica di consapevolezza. Viaggiare è un modo per conoscere e avvicinare con rispetto la cultura degli altri e gioire dei momenti di scoperta e arricchimento interiore. I percorsi proposti sono il frutto di un attento studio e favoriscono un'esperienza completa, uno stacco dalla quotidianità che possa consentire un’osservazione interiore intima e rilassata.

TESTIMONIANZE:
Perché partecipare a un ritiro?

Franco B.
Come persona che ha praticato ritiri di meditazione per diversi anni ho riflettuto molto su questa domanda, cercando di vederla attraverso "occhi nuovi" e con una "mente da principiante". Con la mia esperienza e i miei mentori da cui attingere, ho pensato di condividere alcuni dei miei pensieri e sentimenti in evoluzione su come dovrebbe o potrebbe apparire un ritiro, nella speranza che queste cose possano interessare o ispirare le persone a parteciparvi.
Personalmente, amo condividere il tempo in silenzio insieme ad altri praticanti. 
Il dizionario dice che nella sua forma verbale "ritirarsi" significa: "Ritornare e allontanarsi da qualcosa o qualcuno perché sei spaventato o vuoi stare da solo", o in contesti militari significa che stai cessando di combattere. Come sostantivo significa "Un luogo sicuro dove puoi stare da solo". Nessuno di questi coglie la mia esperienza di ritiro di meditazione, e apprezzo molto il fatto che il mio insegnante dice che non dovrebbe nemmeno essere chiamato ritiro! Dice che dovrebbe essere chiamato "approccio". A un certo livello ci siamo allontanati dal lavoro, dalla famiglia, dagli hobby, dalle routine e in questi giorni, dai dispositivi elettronici e persino dalla lettura. Ma a un altro livello ci stiamo muovendo verso qualcosa: noi stessi e l'esperienza diretta di essere vivi. Stiamo permettendo al mondo di entrare di più e non di meno.
Quando c'è una riduzione sostanziale di input esterni possiamo davvero vedere le più piccole cose, come un insetto, come se fosse la cosa più miracolosa del mondo. Assapori il cibo semplice. Ci connettiamo con noi stessi e nel silenzio, mentre pratichiamo, mangiamo e lavoriamo insieme, con la comunità di "amici spirituali", anche se potrebbero sembrare estranei.

Simona M.
[...] durante questi ritiri, ho imparato anche a portare tanta consapevolezza a tutte le cose ordinarie che poi facciamo abitualmente a casa: mettere le scarpe o i calzini; farsi il bagno, vestirsi, mangiare, fare il letto, preparare il tè, spostarsi dalla propria stanza ad un’altra, sentire l'aria sulla faccia, guardare un uccello ... ascoltare il vento. Ciò che ho sentito nella pratica di gruppo è stato il fatto che le persone hanno apprezzato di vedere e sentire tutte le sfumature del momento presente e sono state in grado di suonare e divertirsi, in un modo nuovo, perché queste attività sono avvenute dopo diverse ore di meditazione formale e di silenzio. 
Le pratiche ci hanno insegnato ad essere veramente presenti alla gioia e ad utilizzarla quando ritorniamo poi a casa; possiamo correre il rischio di prendere una chitarra o provare a disegnare o a scrivere una poesia, anche se pensavamo prima di non poterlo fare. Succede spesso in modo abbastanza naturale perché, dopo tutto, molti di noi, quando affrontano 5-10 giorni di ritiro silenzioso, sono spesso preceduti da pensieri come "Non credo di potercela fare". E ora è dietro di te e si è conclusa! Possiamo basarci su questo fatto e su questo momento in molti modi. Forse andremo ad aumentare i nostri tempi di meditazione e forse inizieremo anche ad avere molta più gioia. Potrebbe anche darci la forza e la capacità di recupero per provare altre cose per le quali pensiamo di non essere all'altezza, naturalmente, in modo compassionevole e realistico.

Via Santa Teresa deglio Scalzi, 134 - 80135 - Napoli (NA), Italia

tel. 081 184 941 94
cell. 339 40 53 743

P.I. 08201231217


Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

PRIVACY POLICY COOKIE POLICY Febbraio 2020 - Tutti i testi presenti su questo sito sono proprietà dei loro relativi Autori

credits || powered by Krich! || login